Press ESC to close

Puoi pulire i tuoi vestiti con il detersivo per piatti?

Non ci illudiamo: i prodotti per il bucato sono costosi. E finché hai una famiglia numerosa e molta biancheria da lavare regolarmente, il budget aumenta molto rapidamente. Molte persone cercano alternative più economiche. Naturalmente ci sono sempre consigli per risparmiare a questo riguardo. Inoltre, probabilmente hai già in casa un prodotto che svolgerà perfettamente il suo lavoro. Un piccolo indizio? Fa brillare le posate e tutti gli utensili da cucina. Ben fatto, hai indovinato, è detersivo per piatti. Molte persone non lo sanno, ma è l’alternativa ideale per pulire il bucato. Prendere due piccioni con una fava, chiunque?

Sostituire il detersivo per il bucato con detersivo per piatti può sembrare piuttosto insolito. Perché, solitamente, usiamo quest’ultimo per lavare piatti, padelle e pentole. Non possiamo immaginare di associarlo al nostro bucato che resta comunque più delicato di tutti questi utensili da cucina. Tuttavia, oltre ad essere efficace nel rimuovere lo sporco intrappolato nei piatti e nelle posate, è perfettamente in grado di rimuovere le macchie ostinate dai maglioni e dai pantaloni. Grazie alla sua versatilità, traccia ogni traccia di grasso, dalle tracce di salse oleose allo sporco di ogni genere. Unico accorgimento importante da prendere: poiché produce molta schiuma che rischia di fuoriuscire dalla lavatrice, il dosaggio del detersivo per piatti deve essere molto inferiore a quello del detersivo. Oltre ad essere pratica ed economica, questa soluzione lascia i tuoi capi puliti e lucenti!

Puoi pulire i tuoi vestiti con il detersivo per piatti?

Detersivo per piatti

Stai tranquillo, la marca e il tipo di detersivo per piatti non influiscono sul lavaggio, funzionano tutti molto bene. Ti consigliamo comunque di scegliere un profumo gradevole, come quello del limone. Se lo desideri, per portare ancora più freschezza al tuo bucato, puoi aggiungere qualche goccia di olio essenziale di lavanda, ad esempio.

Punto essenziale: è imperativo dosare il detersivo per piatti, applicandone sempre la giusta quantità per evitare che trabocchi nella lavatrice. Consigliamo 1 tappo di prodotto per piccoli carichi, 2 tappi per carichi medi e 3 tappi se hai davvero molta biancheria sporca da lavare.

Dovrai eseguire 2 cicli di lavaggio:

  • Nel primo ciclo, caricare i capi colorati (con tessuti resistenti) nel cestello e versare la giusta quantità di detersivo per piatti nello scomparto della polvere, come se fosse un normale detersivo per il bucato. Lavare a 40°C per 1 ora.
  • Il ciclo successivo è un lavaggio con  detersivo  in polvere . Puoi utilizzare il prodotto più economico. Versarlo nello scomparto del detersivo, come per un lavaggio normale. Lavare i vestiti a 90°C per 1h30. Questo ciclo sarà conclusivo con il risciacquo e la centrifuga. Per rendere i vestiti più profumati e morbidi, puoi aggiungere l’ammorbidente.
Lavatrice

Dopo aver lavato  i capi colorati  , eseguire sempre il ciclo di pulizia del cestello.

E solo lì potrai caricare la biancheria bianca e delicata per un nuovo ciclo di lavaggio.
Naturalmente, se i vestiti sono molto sporchi, è meglio metterli a bagno in una bacinella con acqua e sapone. Aggiungere 2 o 3 tappi di detersivo per piatti in 5 litri di acqua.

Come puoi vedere, il detersivo per i piatti è molto efficace per lavare il bucato: le macchie, anche le più persistenti, sono completamente scomparse!

Perché dovresti pulire la lavatrice?

Vestiti in lavatrice

Non è possibile utilizzare la  lavatrice quasi ogni giorno  e aspettarsi che rimanga continuamente funzionante se non la si disinfetta regolarmente. Con il tempo, a causa dell’uso e dei residui di detersivo, finisce per essere infestato da muffe e batteri che possono comprometterne il funzionamento e accumulare cattivi odori.

Il filtro della lavatrice si trova solitamente sul bordo inferiore della macchina, dietro un coperchio incernierato. Ha un ruolo fondamentale poiché serve a proteggere la pompa dell’elettrodomestico catturando tutti i tipi di oggetti che si staccano dai vestiti durante il lavaggio: bottoni, lanugine, monete, fazzoletti, capelli, ecc. Inoltre, è un luogo favorevole alla formazione di germi e batteri. Inoltre, tra il caldo e l’umidità, è anche un terreno fertile per tutti i tipi di cattivi odori che possono infiltrarsi nel bucato. La soluzione? Svuotarlo regolarmente per rimuovere lanugine e sporco accumulati all’interno. Attenzione però, per evitare il rischio di scottature, non prevedete di pulirlo dopo il lavaggio ad alte temperature!

Nota: è sempre importante leggere attentamente le istruzioni contenute nel manuale della lavatrice per garantire una pulizia ottimale. Alcuni produttori sconsigliano l’uso di prodotti decalcificanti nelle loro macchine.