I fertilizzanti che puoi realizzare da solo sono più numerosi di quanto tu possa immaginare e hanno solo vantaggi! Scopri ricette semplici, efficaci e naturali per un giardino spettacolare.

Fare da soli i fertilizzanti è un’idea alla moda: è intelligente, economica e soprattutto ecologica. Naturalmente, i fertilizzanti sintetici (minerali o chimici) sono responsabili di vari tipi di inquinamento durante la loro produzione e il loro utilizzo. Ma soprattutto, non ha senso comprare del fertilizzante quando in un giardino si ha tutto a portata di mano, anche il più piccolo. I nutrienti consumati dalle piante coltivate possono essere trovati in molti modi nella nostra vita quotidiana. Non costa nulla e c’è un vero vantaggio per le piante perché i fertilizzanti fatti in casa hanno un pregio: creano poche carenze, contengono essi stessi oligoelementi, quelle sostanze di cui le piante hanno bisogno in minime quantità.

Esistono diversi fertilizzanti naturali

I fertilizzanti fatti in casa possono assumere molte forme. Il compost e gli estratti (liquame, macerazione, ecc.) sono i due principali, ma ce ne sono altri. Se hai la possibilità di raccogliere alghe da un pescivendolo (occasione sempre più rara) o letame da un pony club o da una fattoria, puoi fare un sacco di cose. Altri rifiuti organici come i residui della spremitura delle mele da sidro, le piume recuperate da un allevatore di pollame, i residui della trebbiatura dei cereali (crusca, pula)… sono tutte fonti da non trascurare. Insomma, sfoglia, guardati intorno: c’è sicuramente questo fertilizzante ideale e gratuito che aspetta solo te! Leggi anche: Il trucco geniale per far crescere velocemente le tue piante

Il fertilizzante naturale per agrumi

Il succo di arancia e limone ha un effetto benefico sulle piante, grazie ai minerali e alle vitamine che contengono.
Innaffiare le piante

Per realizzare una miscela che favorisca la crescita delle piante, basta mescolare 1 cucchiaino di succo d’arancia spremuto con 1 litro di acqua fredda. Quindi spruzzare il liquido risultante sulle foglie delle  piante .
innaffiare le piante in vaso

Lo stesso vale per la miscelazione con il succo  di limone .
piante di succo di limone

Queste miscele possono essere utilizzate anche per innaffiare il substrato delle piante in vaso. Leggi anche: Come realizzare il più potente insetticida all’aglio fatto in casa per eliminare gli afidi che distruggono le piante Per le piante sane si consiglia di annaffiare una volta ogni tre settimane, mentre per le piante fragili si consiglia di annaffiare una volta alla settimana.

Buoni punti di riferimento

  • I fertilizzanti fai-da-te rientrano nella categoria dei prodotti organici. Si tratta di fertilizzanti deboli (rispetto ai fertilizzanti sintetici), ma la cui formulazione si adatta praticamente a tutte le colture.
  • Il momento migliore per preparare i propri fertilizzanti è l’autunno, in modo che i materiali si decompongano in inverno, ma si possono fare anche in qualsiasi stagione.
  • Qualunque sia la dimensione del tuo giardino, pensa in grande. Attraverso la decomposizione della materia organica, i fertilizzanti fatti in casa perdono gran parte del loro volume iniziale. Quindi pianifica una grande quantità all’inizio, perché alla fine otterrai solo meno del 10% di questo volume, o anche 30 volte meno!
Leggi anche: Non buttare più i semi di limone: ecco come usarli per far crescere un albero di limone