Press ESC to close

Cosa bisogna fare prima di accendere il riscaldamento?

Quando inizia la stagione invernale, i termosifoni freddi o tiepidi possono essere molto sgradevoli. Che siano vecchi o nuovi, non preoccuparti, questo problema può essere risolto rapidamente. Infatti, prima di accendere i radiatori a parete, è importante spurgarli affinché funzionino correttamente. Questa azione ti farà anche risparmiare denaro!

Scopri come spurgare i tuoi radiatori

Accendi il riscaldamento

Come spurgare i radiatori?

Lo spurgo è un’operazione semplice, completamente sicura e non provoca alcun danno, anche in assenza di aria nell’impianto di riscaldamento. Infatti, nei radiatori che non vengono utilizzati da diversi mesi, si noterà un accumulo di aria, che ne compromette il corretto funzionamento. Questo è un processo molto semplice che richiede solo pochi minuti.

Cosa dovresti avere?

Per questa operazione è necessario:

  • Una chiave per aprire le bocchette  del radiatore
  • Un panno e un secchio per raccogliere l’acqua che gocciola

Come procedere ?

Un radiatore

È necessario innanzitutto assicurarsi che l’impianto di riscaldamento sia spento e che tutte le valvole termostatiche siano aperte. Per aprire al massimo tutti i radiatori è sufficiente ruotare la manopola (termostato), che si trova nella parte superiore del radiatore in corrispondenza del tubo di rame che fuoriesce dal muro.

Il secondo passo è aprire lentamente la valvola di spurgo del radiatore. La valvola si trova solitamente nella parte superiore del radiatore, sul lato opposto al termostato. Per aprirlo è meglio utilizzare l’apposita chiave fornita con il radiatore. Se non ce l’hai, puoi acquistarlo presso un negozio di ferramenta o idraulico. Utilizzare la chiave per aprire la valvola ruotandola lentamente in senso antiorario. Mentre lo fai, l’aria inizierà a fuoriuscire insieme ad alcune gocce d’acqua. Continuare ad aprire finché il getto non sarà più potente.

Ora è il momento di chiudere la valvola di spurgo. Quando non c’è più acqua che gocciola significa che non c’è più aria. A questo punto è possibile chiudere la valvola ruotandola in senso contrario a quello di apertura.

Quindi controllare la pressione della caldaia. La lancetta del manometro deve essere compresa tra 1 e 2 bar. Se la lancetta segna un numero maggiore di 2 significa che i radiatori non sono stati spurgati completamente.

Prima di accendere i termosifoni è consigliabile anche pulirli per eliminare la polvere che con il calore potrebbe accumularsi e diffondersi in tutta la casa. Con un panno in microfibra bisogna pulire tra un elemento e l’altro, e per rimuovere eventuali residui si può utilizzare un aspirapolvere. Il radiatore va lavato a vapore per disinfettarlo ed eliminare germi e batteri.

Infine, dovresti anche identificare eventuali difetti. Quando il sistema è attivo è necessario verificare che il radiatore funzioni correttamente, che non ci siano perdite d’acqua e che non vi sia differenza di temperatura da un radiatore all’altro. Nel caso in cui dovesse presentarsi uno di questi problemi, rivolgetevi ad un professionista che saprà individuare il guasto e ripararlo nel migliore dei modi.

È quindi necessario spurgare il radiatore prima di ogni stagione fredda se si desidera sfruttare appieno le sue funzioni.

Scopri come spurgare i tuoi radiatori

Accendi il riscaldamento

Come spurgare i radiatori?

Lo spurgo è un’operazione semplice, completamente sicura e non provoca alcun danno, anche in assenza di aria nell’impianto di riscaldamento. Infatti, nei radiatori che non vengono utilizzati da diversi mesi, si noterà un accumulo di aria, che ne compromette il corretto funzionamento. Questo è un processo molto semplice che richiede solo pochi minuti.

Cosa dovresti avere?

Per questa operazione è necessario:

  • Una chiave per aprire le bocchette  del radiatore
  • Un panno e un secchio per raccogliere l’acqua che gocciola

Come procedere ?

Un radiatore

È necessario innanzitutto assicurarsi che l’impianto di riscaldamento sia spento e che tutte le valvole termostatiche siano aperte. Per aprire al massimo tutti i radiatori è sufficiente ruotare la manopola (termostato), che si trova nella parte superiore del radiatore in corrispondenza del tubo di rame che fuoriesce dal muro.

Il secondo passo è aprire lentamente la valvola di spurgo del radiatore. La valvola si trova solitamente nella parte superiore del radiatore, sul lato opposto al termostato. Per aprirlo è meglio utilizzare l’apposita chiave fornita con il radiatore. Se non ce l’hai, puoi acquistarlo presso un negozio di ferramenta o idraulico. Utilizzare la chiave per aprire la valvola ruotandola lentamente in senso antiorario. Mentre lo fai, l’aria inizierà a fuoriuscire insieme ad alcune gocce d’acqua. Continuare ad aprire finché il getto non sarà più potente.

Spurgare un radiatore

Ora è il momento di chiudere la valvola di spurgo. Quando non c’è più acqua che gocciola significa che non c’è più aria. A questo punto è possibile chiudere la valvola ruotandola in senso contrario a quello di apertura.

Quindi controllare la pressione della caldaia. La lancetta del manometro deve essere compresa tra 1 e 2 bar. Se la lancetta segna un numero maggiore di 2 significa che i radiatori non sono stati spurgati completamente.

Prima di accendere i termosifoni è consigliabile anche pulirli per eliminare la polvere che con il calore potrebbe accumularsi e diffondersi in tutta la casa. Con un panno in microfibra bisogna pulire tra un elemento e l’altro, e per rimuovere eventuali residui si può utilizzare un aspirapolvere. Il radiatore va lavato a vapore per disinfettarlo ed eliminare germi e batteri.

Infine, dovresti anche identificare eventuali difetti. Quando il sistema è attivo è necessario verificare che il radiatore funzioni correttamente, che non ci siano perdite d’acqua e che non vi sia differenza di temperatura da un radiatore all’altro. Nel caso in cui dovesse presentarsi uno di questi problemi, rivolgetevi ad un professionista che saprà individuare il guasto e ripararlo nel migliore dei modi.

È quindi necessario spurgare il radiatore prima di ogni stagione fredda se si desidera sfruttare appieno le sue funzioni.