Press ESC to close

Come pulire e mantenere una vaporiera? La guida passo passo

La cottura a vapore, personalmente non mi ha mai fatto desiderare. Prediligo piatti in salsa dai mille sapori o carni alla griglia ben marinate. Tuttavia, i piatti sani fanno sempre bene alla salute e soprattutto alla perdita di peso. Ma qui non si tratta di parlarvi di ricette di cottura a vapore ma di darvi consigli su come pulire e mantenere correttamente il vostro elettrodomestico!

Sì è vero che sono belli tutti questi elettrodomestici utili e pratici per semplificarci la vita quotidiana, ma quando devono essere puliti… ci pensiamo due volte prima di usarli.

Mi vergogno a dirtelo ma mia madre me ne ha regalato uno 5 mesi fa e… è ancora lì, che aspetta nella sua scatola.

Leggi anche:  Disincrostare il soffione della doccia e aumentare la pressione dell’acqua senza chiamare l’idraulico. Ecco il trucco

Eppure non riesco a dimenticarla perché ogni volta che la sento al telefono mi chiede “Allora questo robot, alla fine l’hai usato?”

Ora scopriamo come pulirlo senza che diventi una scocciatura!

pentola a vapore

Verrebbe da pensare che con questo tipo di robot che cuoce solo con il vapore, quindi con l’acqua, la pulizia si ridurrebbe ad una sola passata con la spugna e basta! Beh no, ci vuole un po’ di più ma non molto, non ti preoccupare.

Tartaro, sai?

Questo piccolo strato sottile che si intensifica se non lo attacchi, a causa della qualità dell’acqua che usi. Acqua calcarea, in altre parole acqua dura. Una miscela di magnesio e calcio che solidifica sotto l’effetto del calore.

Si depositerà principalmente nella base della tua cucina, dove il vapore si diffonde attraverso i cestelli impilati uno sopra l’altro.

Pentola a vapore: quali sono i segni di una pulizia urgente?

Il tuo piroscafo deve essere pulito quando l’accumulo bianco e gessoso può essere visto ad occhio nudo formarsi attorno agli ugelli del vapore.

Se anche voi notate che il livello di vapore si riduce e che la vostra cucina sputa invece di emettere un getto di vapore, vuol dire che anche questa dovrà essere pulita!

Come decalcificare un piroscafo, inclusi SEB e altri marchi?

Te lo dico subito, i 2 ingredienti magici sono l’aceto bianco e l’acqua distillata!

Come si pulisce un piroscafo portatile o autonomo?

Prima di pulire e decalcificare,

  1. Prima di tutto, assicurati che il dispositivo sia spento.
  2. Pulire accuratamente la base e il coperchio, rimuovendo tutti i residui di cibo. Aiutatevi con uno stuzzicadenti per i punti in cui ad esempio si sarebbe incastrato il pezzetto di carota.
  3. Usa un panno umido imbevuto di acqua saponata per pulire tutto, risciacquando con acqua pulita.

Non c’è bisogno di usare detergenti corrosivi qui, non si tratta di pulire pentole unte e piene di tracce di unto.

aceto bianco

Per rimuovere tracce di calcare,

  1. riempire il serbatoio con aceto bianco distillato o aceto bianco per la pulizia.
  2. Rimettilo a posto e fai funzionare il fornello per 30 minuti a una temperatura molto alta.

Fai attenzione, tieniti lontano dal vapore per evitare ustioni.

Trascorso il tempo e la vostra pentola non emette più vapore, sciacquate bene il serbatoio e lasciatelo asciugare bene.

  1. Ripetere l’operazione con acqua distillata da scaldare allo stesso modo per eliminare ogni traccia di aceto.

Questo consiglio vale anche per tutti gli apparecchi che funzionano a vapore acqueo come bollitori, ferri da stiro, generatori di vapore.

Alcuni modelli top di gamma hanno la funzione autopulente o il filtro anticalcare, ma un po’ di bagno all’aceto ogni tanto non guasta!

Come lavare un cestello per la cottura a vapore?

Esistono diversi tipi di cestelli: cestelli in termoplastica resistente al calore, senza bisfenolo A. Esistono anche cestelli in vetro o in acciaio inox, tutto dipende dal modello di vaporiera che hai.

In ogni caso, qualunque sia il materiale, gli elementi del tuo dispositivo possono essere messi in lavastoviglie ma occupa comunque molto spazio quindi ti consiglio di pulirli a mano.

Si noti che i cestini in acciaio inossidabile sono molto più durevoli nel tempo rispetto agli altri.

E per la manutenzione?

2 consigli da seguire:

  1. Preferisci l’acqua minerale.

Tuttavia, se utilizzi l’acqua del rubinetto, ricordati di svuotare il serbatoio dell’acqua o il recipiente di cottura e di sciacquarlo dopo ogni utilizzo per evitare che si depositi il ​​calcare.

  1. Eseguire una pulizia periodica per prolungare la durata del dispositivo.

Le prossime 2 domande mi aiuteranno sicuramente a usare finalmente il regalo di mia madre!

Come usare un piroscafo?

Vi suggerisco di guardare questo video di Françoise Delaude, nutrilife coach belga.

Sceglie di farci conoscere il metodo di cottura a vapore per i suoi benefici nutritivi e salutari e che preserva le vitamine del cibo.

Nel suo video, questa nutrizionista ci parla della cottura dei cereali, ma sai  perché i cereali dovrebbero essere cotti al vapore?

Cottura a vapore

Come mettere il cibo in una vaporiera?

Esiste una tecnica?

Possiamo ad esempio mettere le verdure una sopra l’altra? O c’è un ordine nelle cucine multilivello?

Sì abbastanza!

Mettere gli alimenti più facili da cucinare, come il pesce, nel cestello superiore. E per gli alimenti che richiedono più tempo di cottura, come la carne o le carote, posizionali nel primo livello, vicino all’acqua.

Leggi anche: Il trucco per recuperare un maglione rimpicciolito e farlo sembrare il primo giorno

Infine un piccolo consiglio per una cottura meno blanda

Aggiungi un cubetto di aroma nel serbatoio dell’acqua, qualche goccia di limone o sostituisci l’acqua con il vino bianco durante la cottura del pesce.

Niente più scuse per usare più spesso la tua vaporiera, e io per prima! Facile da mangiare sano senza troppa manutenzione. Niente più pentole piene di olio da cucina!

Leggi anche:Dimentica i prodotti chimici, il lavello sarà pulito come nuovo grazie a questo prodotto naturale