Dopo un ciclo di lavaggio, tutti scopriamo che la biancheria da letto si è aggrovigliata con il resto dei vestiti. Ed è una situazione molto sconvolgente, soprattutto perché molto spesso abbiamo davvero difficoltà a separarli correttamente. Di conseguenza, la biancheria è estremamente stropicciata e a volte passiamo ore a lottare con il ferro per rimediare alla situazione. Solo che, diciamocelo, non si arriva quasi mai a un risultato veramente soddisfacente. Idealmente, sarebbe più saggio lavare la biancheria da letto da soli nella lavatrice. Tuttavia, se non avete altra scelta che mescolarla al resto della biancheria per la casa, ci sono alcuni consigli pratici che vi permetteranno di evitare questo contrattempo.

Lava le lenzuola, stendile, dai loro un po’ di vapore e riponile direttamente nell’armadio. Questo sarebbe il sogno, giusto? Chi non aspira a ridurre lo sforzo, risparmiare tempo e denaro? Segui i nostri consigli per risparmiarti il ​​lavoro di stiratura!

fogli spiegazzati

Il consiglio di avere lenzuola quasi stirate

Per avere lenzuola quasi stirate, bisogna stare attenti a non commettere certi errori durante il caricamento della lavatrice. Sembra facile e banale, ma questo primissimo passaggio è fondamentale per un risultato di bucato ottimale.

Leggi anche: La regola dei 2 minuti: il nuovo trucco delle pulizie per avere una casa pulita a tempo di record

Prima di tutto bisogna sempre ordinare il bucato, in termini di colori ovviamente (non mischiare toni chiari con quelli scuri), ma bisogna anche separare i tessuti in modo da fare una macchina con capi dello stesso tipo. Pezzi di lino insieme, jeans insieme, camicie separate, ecc. Così puoi impostare il lavaggio delicato con un basso numero di centrifughe. Questo ti salverà dal trovare vestiti intrecciati a lenzuola, calze aggrovigliate a federe…

Altra cosa importante: mantenere le temperature al minimo e non sovraccaricare troppo il cestello della lavatrice. Il calore fissa le pieghe che si formano durante le diverse fasi di lavaggio. Inoltre, troppi vestiti rimarranno così stirati da non avere altra scelta che essere estremamente stropicciati.

Non appena il ciclo di lavaggio è terminato, scuotere bene le lenzuola per eliminare le pieghe. Disporli all’aperto, stringendo bene i tessuti e fissandoli con mollette. È questo che ti permetterà di fare meno fatica durante la stiratura: inoltre, basterà una semplice sferzata di vapore perché le tue lenzuola siano operative!

lavare le lenzuola

Ogni quanto dovresti lavare le lenzuola?

Per allontanare gli acari della polvere e altri allergeni, responsabili di molte allergie e altre malattie respiratorie, si consiglia di lavare e cambiare le lenzuola una volta alla settimana.

stendere le lenzuola

Come asciugare le lenzuola?

È importante seguire la temperatura di asciugatura suggerita sull’etichetta di cura. Tenere presente che le alte temperature possono causare grinze, restringimenti o un’asciugatura eccessiva che danneggia le fibre dei tessuti. Si consiglia quindi di asciugare sull’impostazione “meno asciutto” o “avviso bagnato” per evitare questi inconvenienti a volte irreparabili. Consente inoltre di verificare se i fogli devono essere districati e rimontati.

Leggi anche: 10 passi per ottenere 22-35 kg di pomodori da ogni pianta che coltivi

Per aiutare le lenzuola ad asciugarsi in modo uniforme, aggiungi delle palline di lana o di gomma. In alternativa, puoi anche usare qualche pallina da tennis legata in un calzino di cotone.

Asciugare le lenzuola all’aperto, all’aria aperta, dona loro un profumo più fresco e gradevole. Come bonus, ti evita di utilizzare eccessivamente l’asciugatrice, quindi risparmierai un po’ più di energia. Sfortunatamente, tuttavia, i fogli essiccati all’aria hanno una sensazione più ruvida. La soluzione: per ammorbidire un po’ di più il tessuto dopo l’asciugatura all’aria, mettere le lenzuola nell’asciugatrice per pochi minuti. Farà la differenza!

Leggi anche: Un trucco casalingo con olio e aceto per ottenere una carne tenera e succosa