Pianta succulenta dal magnifico fogliame sempreverde, l’albero di giada si distingue per le sue foglie rotonde e spesse che sembrano piccole monete. Secondo la tradizione cinese, ed in particolare la disciplina del Feng Shui, porterebbe fortuna, fortuna e prosperità ai suoi possessori. Molto decorativo indoor, è facile da coltivare. È comunque necessario prendersene cura per mantenerne la bellezza e preservarne l’aspetto cespuglioso.

Originario del Sudafrica, l’albero di giada è molto popolare in tutto il mondo, è anche una delle piante da interno più apprezzate. Dall’aspetto simile a un bonsai, con il suo tronco marrone molto ramificato, questa pianta dona un vero carattere lussureggiante a un balcone. Disinquinante ed estremamente resistente, questo albero non è esigente e richiede pochissima manutenzione. Tuttavia, se vuoi che cresca rapidamente, devi prendertene cura adeguatamente. Scopriamo insieme come mantenerlo correttamente per mantenerlo in salute.

1. Trapianto

albero di giada
  L’albero di giada si sviluppa secondo un meccanismo molto semplice: più spazio ha, più si allarga e cresce. Leggi anche: 20 piante da interno ideali per stanze poco illuminate Questa pianta viene venduta in piccolissime dimensioni in vaso. Se vuoi vederla crescere, rinvasala in un vaso più grande, che le permetterà di crescere meglio e aiuterà le sue radici a svilupparsi comodamente. Il rinvaso è quindi essenziale quando l’albero di giada è angusto. Ricorda di mescolare il terriccio con la sabbia. E tienilo in un luogo soleggiato. Il periodo migliore per il rinvaso è sicuramente l’inizio della primavera, quando la pianta si appresta a crescere con l’innalzarsi delle temperature. Al momento del rinvaso, fai sempre attenzione a non danneggiare le radici della pianta, altrimenti potrebbero impiegare molto più tempo a ricrescere.
Albero di giada in vaso
 

2. Fecondazione

Niente come un fertilizzante ben selezionato per aiutare iltuo albero di giada a crescere nelle migliori condizioni! Ma qual è il concime più adatto a questa pianta? Trattandosi di una pianta grassa e succulenta, è necessario favorire concimazioni specifiche per questa specie, quindi ben bilanciate in azoto, fosforo e potassio. Se il fertilizzante è liquido, non applicarlo mai su un terreno completamente asciutto. In generale, seguire sempre le indicazioni sulla confezione del prodotto per quanto riguarda le quantità. Puoi anche concimare la pianta con un fertilizzante organico naturale, come i fondi di caffè. Grazie al suo pH leggermente acido, basta sbriciolarlo e spargerlo sul terreno per rilasciare nel tempo un’alta concentrazione di azoto. Come bonus, è un perfetto repellente contro parassiti e parassiti, come lumache o lumache. Questo metodo è molto facile da usare e puoi applicarlo anche ad altre piante del giardino . Attenzione:  è comunque importante non abusare dei fondi di caffè, perché si potrebbe modificare il pH del terreno.

3. La giusta posizione

Le foglie dell'albero di giada
  Mantenere l’albero di giada sul balcone sembra l’ideale per incoraggiarlo a crescere cespuglioso e folto. Attenzione però all’eccessiva esposizione al sole: evitate raggi troppo intensi che potrebbero bruciare le foglie e farle ingiallire. In inverno la pianta  tende a crescere più lentamente, l’ideale sarebbe installare la pianta in casa. Soprattutto se le temperature sono troppo basse o addirittura inferiori ai 10°C sul balcone. Attenzione:  se il tuo albero di giada sembra soffrire, chiedi sempre aiuto al tuo fiorista o giardiniere.

4. Fai delle talee

Se il tuo albero di giada cresce troppo lentamente, puoi creare un cespuglio coltivando talee nello stesso vaso. Leggi anche: Peronospora del pomodoro: come combattere il fungo con le cure naturali Prelevare le talee tagliando uno stelo con foglie sane utilizzando delle forbici ben sterilizzate. Sistematele poi nel terriccio dello stesso vaso ad una distanza di almeno 4-5 cm per evitare che le radici si intreccino e si strozzino a vicenda. NB: prima di interrare le talee è utile immergere la parte tagliata in un prodotto radicante per accelerare l’affioramento di nuove radici. Leggi anche: Perché è consigliabile infilare un cacciavite nel prato?