Press ESC to close

A cosa serve il secondo foro del lavandino?

Hai mai notato un piccolo foro posto sotto il rubinetto del lavandino? Non stiamo parlando del sifone che evacua l’acqua nei tubi! Sì, se non ci hai mai prestato attenzione, ora sai che il tuo lavandino ha due fori inevitabili e complementari. In effetti, i produttori non si divertono a forare due volte il lavabo per motivi estetici, ma piuttosto per motivi di sicurezza. Se questo buco ti dà fastidio, troverai buone risposte in questo articolo. Spiegazioni!

La maggior parte dei lavelli oggi presenta due fori, ognuno dei quali svolge una funzione particolare nel sistema di scarico dell’acqua. Inoltre, se ritieni che questa piccola apertura aggiuntiva rovini l’arredamento del tuo lavabo, assicurati di cambiare idea quando ne apprenderai l’utilità. Quindi, sei tentato da questa scoperta? SÌ ? Perfetto…

Perché un lavandino ha due fori?

I due fori del lavandino

Scommettiamo che conoscete tutti il ​​ruolo del lavabo nelle stanze della vostra casa, inoltre, è solo chiamando l’idraulico che vi rendete conto dell’importanza di questo sanitario in ceramica nella vostra cucina o nel vostro bagno. Dotata di tubo di scarico, questa preziosa installazione facilita la nostra vita quotidiana e la maggior parte delle faccende domestiche. Quindi, usiamo il lavello per lavare il cibo, lavare i piatti, lavarci le mani e tutta una serie di altri usi che si basano sull’acqua.

 

Detto questo, per non allagare la casa, i produttori hanno pensato di integrare un’opzione super interessante: aggiungere un secondo foro nella parete del lavabo! Non ci hanno pensato per divertimento, ma piuttosto per un importante motivo di sicurezza. Troviamo così il primo foro detto sifone che è direttamente collegato ai canali di evacuazione dell’acqua, poi un secondo detto foro del troppopieno o orifizio di troppopieno che permette di contrastare i problemi di deflusso dell’acqua. Curioso di sapere come funziona questa magia nel tuo lavandino? La risposta arriva subito!

Il troppopieno del lavabo, della vasca e del bidet: un modo per evitare il pieno d’acqua nel lavabo

Il troppopieno impedisce all'acqua di traboccare dal lavandino

Hai mai aperto il rubinetto e hai fatto altre cose o ti sei dimenticato di chiuderlo? Diverse persone alzeranno la mano… Se annulliamo la tua bolletta dell’acqua, che subisce un duro colpo, sappi che è il secondo buco nel tuo lavandino che ti salva da un’alluvione che potrebbe raggiungere i tuoi vicini. Il gatto, te lo immagini? Tanto di cappello e mille grazie a questa piccola apertura per compensare questa pietosa situazione!

Infatti, quando il tuo lavandino raggiunge il suo pieno perché i tubi di scarico sono intasati o il flusso d’acqua è troppo forte per essere scaricato dalla fogna principale, è il secondo foro che viene in soccorso di questo blocco con un dispositivo molto intelligente. Ogni volta che viene superato un certo livello d’acqua, questo foro di uscita funge da buona uscita di emergenza : drena l’acqua in eccesso, evitando qualsiasi tracimazione nel bacino. Inoltre, si chiama “troppopieno” perché si verifica quando l’acqua è piena. Sono molto intelligenti questi idraulici, confermi?

Tuttavia, non contare su questo secondo foro per drenare sporcizia o bucce di verdure purché non sia il foro di evacuazione progettato per questa missione come il suo amico sifone. Conclusione: se l’acqua raggiunge il suo massimo serbatoio, il foro troppopieno le apre comunque una possibile via, motivo per cui non bisogna mai optare per un lavabo solo estetico e per nulla funzionale! In buoni rapporti…

Cos’è lo scarico del lavandino e come lo si protegge?

Se il tuo lavello scarica correttamente l’acqua utilizzata, è perché lo scarico dell’acqua funziona correttamente, soprattutto se ha un sistema di troppopieno. Cosa posso fare per ringraziarlo della sua collaborazione? È semplice: puliscilo costantemente. Per farlo utilizziamo la combo delle macchie difficili: bicarbonato e aceto bianco . Non possiamo farne a meno, torna sempre in forze perché se lo merita pienamente! Andiamo, un po’ di spinta per quel bel lavandino… quindi, saranno tre cucchiai di bicarbonato di sodio con un bicchiere di aceto bianco, tutto nel lavandino. Lasciare agire il composto sui canali e versare acqua calda dopo 20 min. Questo è tutto ! Nel peggiore dei casi, installa tappi se la tua installazione è così fragile. Spieghiamo nel punto successivo…

La piletta del lavabo: più che un copriforo…

Il tappo del lavandino impedisce all'acqua di traboccare con il suo meccanismo click-clack

Per prolungare la vita del tuo lavandino, è necessario mantenerlo, altrimenti si ostruirà frequentemente. Per questo motivo il tubo di scarico proveniente dal sifone deve essere coperto da uno scarico di fondo, per evitare intasamenti e quindi troppo pieno. Niente panico, analizzeremo tutto insieme.

 

Chiamato anche tappo di scarico, questo dispositivo realizzato in materiale metallico di tendenza click-clac attualmente, realizza il collegamento tra il lavabo/lavabo e il sifone. Esiste in un modello no-full e overflow, il funzionamento di cui ora conosci. Per il nostro soggetto, è lo straripamento che evita gli straripamenti e quindi i problemi! Il segreto ? Basta una semplice pressione con il dito per chiudere o attivare il meccanismo e quindi l’evacuazione. Inoltre, è discreto ed estetico, chi dice di meglio?

Speriamo di averti illuminato sull’interesse di ottenere un lavandino funzionale che possa salvarti da inondazioni e “conflitti” con i tuoi vicini. Dopo, assicurati che i produttori siano molto bravi a offrirti un’ampia scelta di lavabi che uniscono l’utile al dilettevole, niente panico per l’estetica…