Press ESC to close

4 cose che non dovresti mai cucinare in una padella antiaderente

Molto funzionale, la padella antiaderente è preziosa in cucina. E giustamente, visto che, avrete indovinato, ha questa straordinaria capacità di evitare che il cibo si attacchi alla sua superficie. Ma attenzione, non è così versatile come pensi. Molte persone non ne sono a conoscenza, ma non si adatta sistematicamente a tutti i cibi. Bastano pochi errori ricorrenti perché finisca per essere danneggiato prima del tempo. Ecco alcune regole da seguire per far durare nel tempo le vostre padelle antiaderenti.

Quali cibi non cuocere in padella antiaderente?

Prima regola empirica: le padelle antiaderenti non vanno mai usate ad alte temperature. Inoltre, non devono essere lasciati vuoti per il preriscaldamento.

Ecco gli alimenti che non dovrebbero essere cotti in questo tipo di utensili. Altrimenti, questo è il modo migliore per rovinarli più velocemente.

Leggi anche: Usare la padella antiaderente: 6 errori da evitare

  • Gli ingredienti acidi

Intendi tutti i cibi acidi e piccanti come agrumi o pomodori. Se sei abituato a usare la tua  padella antiaderente   per cucinare questi cibi, alla fine soffrirà e non sarà altrettanto funzionale. Meglio fermare il danno oggi.

  • Carne

Si è tentati di utilizzare questo tipo di padella per cuocere le proprie fette di bistecca, ma poiché la carne richiede temperature elevate per una cottura ottimale, questo utensile non è adatto. La tua padella non dovrebbe essere usata a fuoco alto.

  • Le salse

Come la carne, le pentole antiaderenti non sono adatte alla preparazione di salse che possono caramellare e attaccarsi ai fornelli.

Una padella nel forno

  • Il forno

Alcune padelle antiaderenti possono andare in forno, infatti si trovano facilmente in commercio. Generalmente, questo è specificato sul retro dell’utensile. Quindi fai attenzione e controlla sempre le istruzioni del produttore.

Come evitare che la padella antiaderente si attacchi?

Come accennato in precedenza, pentole e padelle antiaderenti non sono progettate per le alte temperature. Inoltre, logicamente, vedi tu stesso che iniziano a fumare quando il fuoco è alto.

In verità, dovrebbero essere utilizzati solo per cucinare piatti facili da realizzare, come i pancake o una frittata. Altro errore da evitare: usare il grasso. Certo, questo non è un grosso problema, ma alla lunga, poiché il cibo scivola più facilmente nella padella, può parzialmente attaccarsi e il residuo bruciato sarà più difficile da rimuovere. Sarebbe quindi meglio usare solo un filo d’olio o un po’ di burro.

Assicurati anche di evitare l’uso di utensili di metallo quando maneggi le padelle antiaderenti. Perché è molto probabile che li graffino e promuovano l’adesione del cibo. Utilizzare invece spatole in legno, plastica (cottura speciale) o silicone. Infine, si sconsiglia di pulire la padella antiaderente in lavastoviglie: acqua molto calda e detergenti aggressivi possono danneggiarla nel tempo. L’opzione migliore è utilizzare una spugna morbida imbevuta di una miscela di acqua tiepida e sapone per i piatti.

Quando buttare una padella antiaderente?

Tendiamo a conservare i nostri utensili per molti anni. Tuttavia, nel tempo, alla fine si consumano e si comportano meno bene. Per sapere se è necessario sostituire padelle e padelle antiaderenti, ecco alcuni fattori da considerare.

  • L’hai comprato prima del 2015?

In generale, è auspicabile sostituire le padelle antiaderenti dopo cinque anni. Tuttavia, si consiglia cautela, soprattutto con pentole antiaderenti prodotte prima del 2015, poiché potrebbero contenere “PFOA” (colla industriale che tiene insieme il teflon). Pertanto, se le tue pentole sono del 2015, o anche prima, è giunto il momento di sostituirle. E questo, anche se non contiene PFOA.

  • Rivestimento graffiato o scheggiato

Un tempo, con le vecchie padelle antiaderenti (contenenti PFOA), la comparsa di graffi o crepe era un chiaro segno che la padella doveva essere sostituita, poiché il rivestimento poteva staccarsi ed entrare nel cibo. Tuttavia oggi, con i modelli recenti, non devi più preoccuparti di questi graffi, poiché l’attuale rivestimento in teflon non contiene più PFOA e quindi non presenta più gli stessi rischi per la salute. Tuttavia, qualsiasi danno alla superficie delle padelle rivela che le sue capacità antiaderenti non sono più così buone. Meglio considerare una sostituzione a breve termine.

  • Ruggine

Quando una padella antiaderente perde il suo rivestimento, il metallo sottostante è esposto all’ossidazione e può facilmente arrugginirsi. È vero che consumare piccole quantità di ruggine non è dannoso per la salute, ma può influire sul gusto del cibo. A meno che non trovi metodi radicali per eliminare questa ruggine, dovresti probabilmente cambiare i tuoi utensili.

  • Scolorimento scuro

Come avrai notato, le padelle antiaderenti sviluppano macchie chiare o scure man mano che il cibo si accumula. Di per sé, un potenziale scolorimento non è pericoloso. Ma, a prescindere, un colore più scuro indica che il rivestimento si sta gradualmente staccando. Ancora una volta, è meglio buttare via la padella o la casseruola.

  • Il cibo si attacca ad esso

Finalmente saprai che è giunto il momento di sostituire la tua padella antiaderente, quando non svolge più la sua funzione principale. Se il cibo inizia ad attaccarsi regolarmente, questa è una chiara indicazione che il rivestimento ha perso le sue capacità antiaderenti.

Leggi anche:  Quali sono i migliori formaggi da usare sulla pizza?

Qual è il pericolo di cucinare con una padella in ceramica?

stufa in ceramica

Le pentole con rivestimento in ceramica sono generalmente viste come un’alternativa più sicura agli antiaderenti a base di teflon. Tuttavia, possono comportare determinati rischi per la salute. Infatti, questo tipo di rivestimento può essere danneggiato facilmente, permettendo così al metallo di entrare in contatto diretto con gli alimenti. Tuttavia, alcune leghe metalliche possono essere potenzialmente dannose per la salute.

Qual è il rivestimento meno tossico?

Secondo gli esperti, le pentole meno tossiche sono quelle con rivestimento antiaderente come ghisa, acciaio inox, ceramica, vetro e ghisa smaltata. Finché il rivestimento non è in teflon, le tue pentole sono più sicure da usare.

Leggi anche: Come cucinare le patate con successo?