Press ESC to close

4 consigli per prendersi cura delle orchidee a settembre e prepararle per l’inverno

L’orchidea è una pianta sorprendente. Con la diversità delle sue forme e dei suoi colori, trova il suo posto quasi ovunque nella casa, apportando un tocco di eleganza ai nostri interni. Sensibile alle annaffiature, può perdere rapidamente il suo fascino e appassire. Scopri le 4 regole da conoscere a settembre per garantire una fioritura sana e duratura anche in inverno.

Pianta esotica originaria delle regioni tropicali del Sud-Est asiatico, l’orchidea cresce in alto sui rami e assorbe una notevole quantità di umidità. A differenza delle piante il cui habitat principale è il terreno, l’orchidea necessita di annaffiature particolari che devono rispondere perfettamente alle sue esigenze.

Quali sono le regole di irrigazione da seguire per ottenere dei bellissimi fiori di orchidea?

L’irrigazione è un passaggio cruciale nella cura delle piante, soprattutto per le orchidee, perché richiede una conoscenza approfondita della frequenza e delle modalità di irrigazione nonché delle sostanze nutritive essenziali per il suo corretto sviluppo. Ecco le regole da seguire per  una buona fioritura delle vostre orchidee.

  • Padroneggiare la tecnica di innaffiare le orchidee

Orchidee in una bottiglia d'acqua

La tecnica più efficace per annaffiare le orchidee è quella di  immergere il vaso in un contenitore pieno d’acqua per circa quindici minuti , il tempo necessario affinché le radici assorbano l’acqua senza che il cuore ne risenta. Trascorso questo tempo, lasciate scolare la pentola prima di rimetterla al suo posto. A differenza di altre piante, le orchidee non tollerano di essere annaffiate dall’alto o di restare troppo a lungo nell’acqua stagnante. Poiché apprezza gli ambienti umidi, è possibile spruzzare  sulle sue foglie acqua non calcarea  , soprattutto durante la stagione calda. Sotto il vaso è possibile posizionare uno strato di palline di argilla e acqua per preservare l’atmosfera umida.

  • Utilizzare acqua adatta per innaffiare le orchidee

L’orchidea apprezza particolarmente l’acqua piovana. Più morbido, è perfetto per questa pianta tropicale. Tuttavia, è consigliabile raccogliere e conservare l’acqua per l’irrigazione in casa a temperatura ambiente. I cambiamenti di temperatura possono essere dannosi per il suo sviluppo.  Un’altra alternativa all’acqua piovana: aggiungi qualche goccia di succo di limone all’acqua del rubinetto.  Questo metodo aiuta a rimuovere il calcare dall’acqua.

  • Adotta la frequenza corretta per annaffiare le tue orchidee

Orchidee innaffiate

La frequenza di irrigazione dell’orchidea dipende da due criteri importanti. Innanzitutto la temperatura della stanza in cui si trova la pianta ma anche la fase della sua fioritura. Inoltre bisogna tenere in considerazione anche la composizione del substrato in cui viene piantata l’orchidea perché può asciugarsi più rapidamente a seconda del suo volume rispetto alle radici della pianta. Come regola generale,  durante il periodo di fioritura  , in interni con una temperatura compresa tra 17 e 24°C, sarà sufficiente annaffiare ogni settimana o anche ogni 10 giorni. Al termine di questo periodo si consiglia di annaffiare ogni 15 giorni o 3 settimane.

  • Aggiungi fertilizzanti specifici mentre innaffi le orchidee

Per crescere non è necessariamente necessario nutrire la pianta con fertilizzanti, soprattutto quelli commerciali.  Preferisci invece l’azoto per la crescita del fogliame e il potassio per una crescita più rapida degli steli.  Per fornire questi nutrienti alla tua pianta, mescola il concime al momento dell’irrigazione, rispettando le dosi indicate. Questa tecnica è fortemente consigliata quando compaiono i boccioli.

Alcuni errori da evitare durante l’irrigazione delle orchidee

Le orchidee sono piante molto sensibili. È quindi necessario prestare la massima attenzione rimanendo vigili quotidianamente. Alcuni errori possono essere fatali e comprometterne lo sviluppo o addirittura ucciderli. Ecco alcuni esempi.

  • Non controllare il substrato dell’orchidea prima di annaffiare

Radice di un'orchidea malata

Come avrai capito, non è consigliabile annaffiare eccessivamente quando ti prendi cura della tua pianta d’appartamento. Prima di togliere l’annaffiatoio,  controlla che il substrato sia completamente asciutto in superficie, tra due annaffiature.  Puoi vederlo infilando il dito nel terreno a circa 2 cm di profondità. Inoltre, le radici dovrebbero essere grigie e opache.

  • Innaffiare le orchidee in pieno sole

Orchidee innaffiate

Sebbene questa pianta apprezzi la luce, non può essere esposta al sole per troppo tempo.  È quindi preferibile annaffiarla al mattino e tenerla lontana dai raggi del sole che possono bruciarla, soprattutto in estate.  Si consiglia di nebulizzare le orchidee circa 3 volte a settimana, o anche quotidianamente, se necessario, per evitare gli effetti del caldo.

Per delle orchidee radiose, non c’è niente come un’irrigazione adeguata. Questi pochi consigli contribuiranno ad allungarne la durata garantendo una crescita sana e duratura.

Nei periodi freddi, infine, valuta la possibilità di posizionare la tua orchidea davanti ad una finestra (lato interno) a diretto contatto con il sole.