Press ESC to close

4 consigli naturali per allontanare le tarme dalla cucina

È quasi ora di cena. Qui, una piccola insalata a base di riso non verrebbe rifiutata. Oops, indovina chi si è già seduto a tavola? Quando apri il sacchetto del riso, hai la spiacevole sorpresa di notare la presenza di piccole farfalle grigiastre. Improvvisamente, hai appena perso l’appetito! Ah, se c’è una cosa che ti preoccupa in cucina è la presenza indesiderata di quelle tarme alimentari. Più fastidiosi che pericolosi, amano annidarsi nei vostri armadi in cerca di cibo. Come per caso, spesso li trovi incastonati in mezzo alla pasta o alla farina. È deciso, intendi bandirli dalla tua dispensa! Si ma come ? A tempo debito, questi rimedi naturali risolveranno il tuo problema.

Soluzioni naturali ed efficaci per spaventare le tarme alimentari

tarme alimentari  sono insetti molto fastidiosi che possono facilmente invadere la tua cucina se non prendi il toro per le corna. E poiché queste piccole farfalle proliferano rapidamente, non hai tempo da perdere! Inoltre, non guardare troppo lontano, questi insetti nidificano principalmente sul lato della tua dispensa. Li troverai facilmente in pasto in tutti i pacchetti aperti: pasta, riso, cereali, farina, biscotti… lo chiami! Un vero incubo, va detto. Ebbene, di per sé, a differenza di altri parassiti, queste falene non sono così pericolose per la salute. Ma l’idea stessa di loro che vagano nel tuo cibo ti mette molto a disagio ed è comprensibile. I loro escrementi e i microbi che ne derivano, ben poco per te! Molto bene, quindi devi eliminarli definitivamente per mantenere la tua tranquillità. Buttate soprattutto le confezioni già aperte e contaminate da insetti, siano esse sotto forma di uova (le riconoscerete dalla presenza di ragnatele o filamenti nelle pieghe delle confezioni), larve o farfalle. Quindi applicare i seguenti rimedi.

  • foglie di alloro

foglie di alloro

Buone notizie: anche se le tarme alimentari amano tutti i tipi di cibo secco, odiano ed evitano certi odori intensi. Soprattutto quello delle foglie di alloro. Quindi, state tranquilli, non li ucciderà, ma temeranno così tanto questo profumo che lasceranno la vostra cucina in fretta e furia. Ti sta molto bene! Ecco come si fa: spargi alcuni fogli intorno ad armadi e scaffali. Se sono freschi e li coltivi a casa, è ancora meglio, ovviamente. Ma, non appena senti che il loro aroma si attenua, sostituiscili ogni 5-7 giorni circa.

Leggi anche:5 consigli delle nonne per pulire efficacemente una tavoletta wc ingiallita

  • Chiodi di garofano

Cosa sarebbero i nostri piatti senza le spezie che ne esaltano il gusto e il sapore? Oltre ai loro benefici per la salute,  i chiodi di garofano ,molto apprezzati dalle nostre nonne, hanno un odore particolarmente repellente per questi insetti. E non che anche le tarme alimentari, le mosche e le zanzare non lo supportino. Meravigliosa ! Tutto quello che devi fare è mettere alcuni chiodi di garofano secchi su piccoli pezzi di tessuto. Piegali e legali con dei bei nastri. Quindi installali sugli scaffali e nei cassetti dove tieni i tuoi prodotti asciutti. E voilà!

  • aglio

Questo indispensabile condimento, che necessariamente si ha in cucina, ha una miriade di usi in casa, e non solo per insaporire i propri pasti. Sapevi che uno spicchio d’aglio può nutrire le tue orchidee o persino pulire il water? E, qui in questo caso, sappi che è anche un modo molto efficace per distruggere tutte queste falene indesiderate. Il metodo è molto semplice da eseguire: prendi uno spicchio d’aglio tagliato, strofinalo su un panno di cotone, quindi lascialo all’aria aperta per un po’ prima di integrarlo in un contenitore contenente cibo secco. Noterai presto che le falene si allontaneranno da quest’area.

  • Lavanda

fiori di lavanda

Il profumo della lavanda (come quello della vaniglia) ha un vero e proprio effetto deterrente nei confronti delle tarme alimentari. Tuttavia, adoriamo questo profumo piacevole e rilassante! Ma tanto meglio se queste farfalle ne hanno paura. In questo caso basterà imbevere alcuni batuffoli di cotone con un po’ di olio essenziale di lavanda. Quindi devi solo metterli nella tua dispensa. A proposito, se preferite acquistarne, in commercio esistono già delle bustine profumate e pronte all’uso!

Un altro consiglio da provare: prepara il tuo repellente fatto in casa. In un flacone spray, mescola un bicchiere di aceto tiepido con qualche goccia di olio essenziale di lavanda (o vaniglia). Per una maggiore efficienza, puoi persino aggiungere un rametto di timo fresco alla bottiglia. Spruzza questa soluzione in tutti i pensili della cucina.

Leggi anche: Avvia la macchina quando fa freddo con questo semplice trucco: non restare bloccato

Nota  : in definitiva, il modo più efficace per tenere lontane le tarme è conservare il cibo in contenitori e barattoli ben chiusi. In questo modo non saranno in grado di deporre le uova lì e tu potrai proteggere il tuo cibo senza rovinarlo.

Come fai a sapere se la tua cucina ha le tarme?

falena alimentare

Normalmente non puoi perderli, le falene sono facilmente visibili grazie alle loro ali marroni o grigie. Potresti persino incontrarli ogni giorno senza prestare loro davvero attenzione. Controlla lo stesso la tua dispensa, potresti trovare le tarme ancora allo stadio larvale. Ma una cosa è certa, se queste farfalle si aggirano spesso in cucina, è principalmente per nutrirsi. Sono molto golosi e amano molto la pasta, i chicchi di riso, i legumi o anche il cioccolato. Tant’è che non esitano a penetrare direttamente negli imballaggi aperti, e tentano persino di penetrare in quelli ancora chiusi. Eh si, devi anche sapere che le tarme possono comparire in certe confezioni già contaminate da larve microscopiche che si sviluppano all’interno. Ma per lo più proliferano nei cassetti dove conservi il cibo. Attenzione: anche gli alimenti deperibili sono un ambiente ideale per queste tarme alimentari, condizioni perfette perché si riproducano tranquillamente. Quindi, non dimenticare di risolverlo il più spesso possibile!

Leggi anche: Non rispondere a questi numeri: possono tassarti e gonfiare la bolletta telefonica