Press ESC to close

3 consigli per togliere la muffa dai muri

La muffa è uno dei fastidi che possiamo trovare nella nostra casa, soprattutto nei luoghi che soffrono l’umidità, come il bagno, la cucina, gli armadi o anche le pareti. Oltre al loro aspetto sgradevole e all’odore sgradevole, l’inalazione delle spore di muffa può causare allergie e infezioni. Ecco come dire addio alla muffa con prodotti naturali.

Le muffe sono microrganismi che crescono prevalentemente in luoghi umidi e poco ventilati. Questi funghi microscopici diventano pericolosi quando rilasciano tossine chiamate micotossine.

Come si forma la muffa?

Quando l’umidità impiega tempo ad asciugarsi, la muffa cresce e diffonde le sue spore nell’aria.  Ecco perché la muffa si forma principalmente quando ci sono perdite o infiltrazioni d’acqua, quando la casa è poco ventilata o quando in alcune stanze c’è eccessiva umidità. Possiamo quindi trovare muffe su pareti , soffitti, tappeti, intorno alle finestre o negli armadi. Riconosciamo le muffe dalle macchie verdastre o nere e dal loro odore.

Inoltre,  alcune stagioni sono favorevoli allo sviluppo delle muffe, come l’inverno.  Il freddo, infatti, impedisce l’assorbimento dell’umidità presente nell’aria e quindi il vapore si condensa sulle superfici più fredde della casa.

Muffa sul muro - fonte: spm

Muffa sul muro – Fonte: spm

In che modo la muffa può influire sulla nostra salute?

Non tutti reagiamo allo stesso modo alla muffa. Infatti,  alcune persone sono più sensibili di altre a questi microrganismi . In queste persone, la muffa può causare i seguenti problemi, come riportato da  Medical News Today  :

Allergie e irritazioni

Le persone con allergie hanno maggiori probabilità di sviluppare reazioni allergiche alla muffa e di presentare i seguenti sintomi:

  • Congestione nasale
  • Tosse secca
  • Occhi rossi e irritati
  • Sinusite
  • Eruzioni cutanee
  • E anche mancanza di respiro, quando l’allergia è più grave

Per le persone con malattie respiratorie croniche,  l’esposizione alla muffa può causare difficoltà respiratorie o peggiorare l’asma se soffrono di asma. Per quanto riguarda le persone immunocompromesse, la muffa le espone al rischio di sviluppare infezioni polmonari.

Per quanto riguarda neonati e bambini piccoli, uno  studio  pubblicato da HHS Public Access ha dimostrato che la loro esposizione alla muffa in casa rischia di renderli asmatici all’età di 7 anni.

Infezioni

Le persone con un sistema immunitario indebolito sono a rischio di infezioni fungine. Ciò è particolarmente vero per le persone con HIV, i pazienti sottoposti a trapianto o le persone sottoposte a chemioterapia.

Detto questo, va anche sottolineato che l’esposizione prolungata alle muffe in casa può essere dannosa anche per le persone sane. Un’elevata concentrazione di questi funghi nell’aria può provocare malattie respiratorie.

Come eliminare la muffa dai muri?  fonte: sp

Come combattere la muffa sui muri?

Se scopri tracce di muffa sui muri di casa, ecco alcuni consigli per sbarazzartene

aceto bianco

Questo è il modo più conosciuto per eliminare la muffa.

Immergere una spugna nell’aceto bianco e strofinare energicamente la parete per rimuovere la muffa. Quindi, mescolare 300 ml di aceto bianco con 200 ml di acqua in una bottiglia spray e spruzzare sullo stampo. Lasciare agire per mezza giornata e pulire la parete con un panno in microfibra. Ripetere l’operazione fino alla completa eliminazione di tutta la muffa. Si noti inoltre che la stanza deve essere ventilata durante la pulizia.

Per un risultato più ottimale è possibile aggiungere alla soluzione 5 gocce di olio essenziale di tea tree. Ha proprietà antifungine che ti aiuteranno a distruggere completamente le tracce di muffa sulle pareti.

Utilizzare prodotti naturali per eliminare la muffa sui muri - fonte: spm

Bicarbonato di sodio

Per questo consiglio, diluisci un cucchiaio di bicarbonato di sodio in 1l d’acqua e versa il composto in uno spruzzatore. Spruzzare sulle macchie di muffa e strofinare.

Sale grosso

Puoi eliminare l’umidità in casa  utilizzando il sale. Per fare questo è sufficiente mettere 1 kg di sale grosso in un contenitore e posizionarlo nella stanza umida. Aspettate qualche giorno prima di togliere la ciotola in modo che il sale assorba gran parte dell’umidità. Se vedete che il sale è diventato molto bagnato o nero, riapplicatelo.

Dopo aver eliminato ogni traccia di muffa dalle pareti, è importante adottare le misure giuste per evitare che si ripeta.

Come prevenire la formazione di muffe?

Poiché l’umidità è il fattore responsabile della comparsa della muffa, è quindi necessario

  • Assicurati di asciugare bene le stanze della casa;
  • Verificare la presenza di perdite, comprese perdite nel tetto, nelle pareti, nell’impianto idraulico e nel seminterrato;
  • Arieggiare la casa, soprattutto gli ambienti interessati dall’umidità come il bagno e la cucina;
  • Evitare la moquette in ambienti soggetti a umidità per non creare un ambiente favorevole allo sviluppo di muffe e cattivi odori;
  • Utilizzare un condizionatore o un deumidificatore per mantenere i livelli di umidità al di sotto del 50%;
  • Posizionare i mobili a 5 cm o 10 cm dalle pareti, per consentire la ventilazione delle pareti.