Press ESC to close

15 errori comuni che causano la morte delle piante d’appartamento

Una bella pianta fresca e verdastra è spesso il tocco ornamentale che manca all’interno di una casa per completare la decorazione. Porta un vero carattere lussureggiante e tropicale in casa, invitando così un cambio di scenario e ringiovanimento. Ma non è solo decorativo: la maggior parte delle piante da interno sono disinquinanti e purificanti. Ci aiutano a purificare l’aria che respiriamo e ad eliminare tutte le tossine. Infine, avere una pianta in casa è anche garanzia di offrire agli ospiti momenti di calma e tranquillità. Alcune piante, consigliate dall’arte del Feng Shui, sono addirittura classificate come antistress. Ma ovviamente le piante non sono eterne: prima di pensare a installarle in casa, è importante imparare a mantenerle correttamente come vedremo attraverso i consigli di Martin Lebihan, giardiniere del Finistère. Perché se non te ne prendi cura adeguatamente o se commetti certi errori fatali, dopo qualche settimana o addirittura qualche mese, la tua pianta rischia di soffrire terribilmente. Le sue foglie possono ingiallire e cadere, le sue radici possono marcire e, senza preavviso, la tua pianta può morire durante la notte.

Tutte le piante hanno un desiderio innato di sopravvivere. Tuttavia, anche se ti sembrano robusti e resistenti, non sono immuni da alcuni errori accidentali che finiscono per ucciderli. Noi ne abbiamo selezionati una quindicina: ricordateli attentamente per adottare le misure necessarie ed evitare il più possibile di provocare danni irreparabili.

Un soggiorno decorato con piante da interno

1. Troppa acqua

Chiedi a qualsiasi giardiniere o fioraio: ti dirà che il nemico numero 1 delle  piante d’appartamento  non è altro che l’acqua in eccesso. Naturalmente le piante non sono uguali, non hanno tutte le stesse esigenze idriche. Ma in generale, un’irrigazione eccessiva o una significativa mancanza d’acqua sono fatali per la durata di vita di una pianta. La mancanza d’acqua non è mai drammatica, anzi, annaffiature sproporzionate ed esagerate provocano sintomi terribili: le radici marciscono, le foglie ingialliscono e si ammorbidiscono velocemente, i parassiti attaccano maggiormente la pianta e questa potrebbe non sopravvivere.

2. Scarsa irrigazione

Certamente la mancanza d’acqua di per sé non è catastrofica, può causare stress occasionali alle piante e portarle al disseccamento, ma bastano pochi giorni di innaffiatura perché la pianta riacquisti i suoi colori e la sua forza. Tuttavia, se aspetti troppo a lungo e la tua pianta non riceve abbastanza acqua, le radici potrebbero appassire, le foglie ingiallire o seccare. Sebbene alle piante non piaccia un substrato troppo umido, anche la siccità non è la migliore condizione di vita.

3. Spazio insufficiente per la crescita

Come i bambini, le piante attraversano periodi di crescita accelerata. Una volta che diventano più grandi e imponenti, è necessario cambiare il vaso attuale. Perché non potranno continuare a crescere adeguatamente: hanno quindi l’impressione di soffocare come se fossero “in scatola”. Da qui l’importanza del rinvaso. Quando metti la pianta in un vaso più grande, può crescere più rapidamente, favorire una fioritura bella e abbondante e sentirsi più soddisfatta.

4. Usare il terreno sbagliato

Compost, fertilizzante, terriccio, letame… devi assolutamente familiarizzare con tutti questi termini di giardinaggio. Mentre le piante da esterno necessitano di un determinato tipo di terreno, lo stesso vale anche per le piante da interno. Non dovresti partire per un’avventura e rischiare di usare un terriccio qualsiasi. Assicurati che il terreno sia ideale per la tua pianta d’appartamento. In genere, ti verranno fornite le istruzioni necessarie al momento dell’acquisto. Nella maggior parte dei casi, un cosiddetto terriccio “universale” è il più appropriato per la maggior parte delle piante da interno, ma alcune piante potrebbero essere più attratte da un terreno acido o molto drenante. Meglio quindi informarsi meglio sulla questione.

5. Fornire livelli di illuminazione errati

Ancora una volta, come il terreno o l’irrigazione, le piante hanno esigenze diverse in termini di luce. Ma qualunque cosa accada, la luce rimane vitale per la maggior parte di loro. Bisogna però avere quante più informazioni possibili sulla pianta per definirne chiaramente le esigenze: quelle che richiedono molta luce devono essere installate vicino a finestre per ricevere la luce solare (ma senza neanche un’esposizione eccessiva diretta), o anche quella artificiale se il tuo interno non è abbastanza luminoso. E se la tua pianta non ha bisogno di molto, è meglio allontanarla dalla finestra o filtrare la luce attraverso una tenda. Ricordatelo: la mancanza di illuminazione rischia di far appassire la pianta, le sue foglie possono ingiallire, diventare pallide o addirittura cadere prematuramente. Al contrario, la sovraesposizione alla luce può deformare le foglie, facendole diventare marroni e seccandole.

Innaffiare le piante

6. Esposizione a temperature estreme

Dovresti sapere che le radici delle tue piante da interno sono molto sensibili ai cambiamenti climatici estremi. Anche se  la temperatura esterna può superare i 23°C (75°F) senza danneggiare le piante del giardino, spesso questo non è il caso delle piante d’appartamento. Soprattutto quando l’umidità dell’aria e la luce del sole non sono disponibili in conformità con le condizioni naturali esterne. Poiché provengono generalmente da climi tropicali, le piante prosperano pienamente in un ambiente la cui temperatura varia tra 18 e 24 °C.

7. Fornire livelli di umidità errati

La mancanza di umidità può essere fatale per le tue piante d’appartamento. Pertanto, alcuni segnali dovrebbero avvisarti: i bordi delle foglie si arricciano o diventano marroni, le punte delle nuove foglie sono secche, anche i boccioli diventano marroni o cadono. Non appena noterai tutti questi effetti, dovrai accendere l’umidificatore o provare un altro modo per umidificare naturalmente la tua casa. Come dicevamo sopra, l’ideale sarebbe mantenere una temperatura intorno ai 18°C. Puoi anche optare per delle palline di argilla da mettere nei vasi per portare più umidità nell’aria. Un mister farà il trucco anche sul fogliame.

8. Non utilizzare la giusta quantità di fertilizzante

Fertilizzante per piante

Nutrire correttamente le piante per mantenerle belle e sane è essenziale. Non è un segreto che abbiano bisogno di tre nutrienti principali per crescere in modo sano: azoto, fosforo e potassio. Certamente, se luce e annaffiature rimangono parametri fondamentali per la sopravvivenza delle piante, la mancanza di fertilizzante rischia di rallentarne la crescita e non si beneficerà di una fioritura abbondante. Dobbiamo quindi assicurarci di fornire loro nutrienti sufficienti affinché possano prosperare nelle condizioni più ottimali.

9. Scottature solari

È sempre un’ottima iniziativa spostare le piante all’esterno, soprattutto in terrazzo durante la bella stagione, in modo che possano godersi le giornate soleggiate. Ma attenzione: le piante che vengono spostate improvvisamente da un luogo ombreggiato a un luogo con più luce solare sono particolarmente sensibili. Questa transizione deve quindi avvenire gradualmente. Perché l’eccesso di luce solare rischia di bruciare le foglie. Il fogliame eccessivamente esposto può quindi scolorire e diventare marrone. Agisci quindi con cautela e opta invece per luoghi semiombreggiati per evitare un’esposizione troppo diretta.

10. Ignorare le istruzioni

Qual è il modo migliore per evitare che una pianta d’appartamento muoia troppo rapidamente? Basta leggere e seguire attentamente le istruzioni per la cura!

Prenditi cura della tua pianta d'appartamento

11. Trascurare le dimensioni

La potatura è tutt’altro che banale, è addirittura un passaggio necessario per armonizzare la forma della pianta ed eliminare le foglie che crescono male o sono troppo rosicchiate dagli insetti. È quindi importante tagliare eventuali steli o rami morti, poiché attirano i funghi. Allo stesso modo, rimuovi le foglie marroni o gialle che marciscono e portano a malattie. Comprese le infestazioni di parassiti che alla fine possono uccidere la pianta o addirittura contaminare altre piante d’appartamento.

12. Muoversi frequenti

Ecco una causa di stress che molte persone trascurano: quando la tua pianta prospera in un’area particolarmente adatta a livelli di temperatura, illuminazione e umidità, spostarla potrebbe disturbarla e potenzialmente danneggiarne la salute. Meglio decidere una volta per tutte il luogo adatto!

13. Ignora i parassiti

Cocciniglie, ragni rossi, afidi, moscerini, pulci… Tieni presente che le tue piante d’appartamento attirano inesorabilmente tutti i tipi di insetti  e parassiti indesiderati che se ne nutrono. Il che può portare alla comparsa di funghi e malattie, spesso responsabili della morte delle vostre piante. Non bisogna trascurare questo problema: è necessario controllare regolarmente lo stato di salute delle vostre piante e utilizzare potenti antiparassitari per tenere lontani tutti questi parassiti. Se sei ostile alle sostanze chimiche, esistono molti rimedi naturali a base di ingredienti che probabilmente hai già in casa, come il sapone di Marsiglia, gli oli essenziali, l’aceto bianco, il sapone nero o il bicarbonato. Queste soluzioni fatte in casa saranno ottimi insetticidi!

14. Lasciarsi maltrattare dai propri animali domestici

È difficile far convivere gli animali domestici con le tue piante d’appartamento. Sia i gatti che i cani adorano masticare e distruggere le foglie verdi. Pensavi di essere responsabile della morte della tua bella pianta tranquillamente installata nel soggiorno? E se fosse opera del tuo animale domestico a quattro zampe? A meno che non lo educhi bene affinché smetta di tormentare le tue piante, devi assolutamente ricorrere a una soluzione efficace per evitare questa pericolosa vicinanza. Alcuni suggerimenti sono a tua disposizione: puoi posizionare le tue piante in alto in modo che non siano accessibili ai tuoi animali o dietro un mobile imponente. Puoi anche, di tanto in tanto, vaporizzare tutto intorno con un profumo sgradevole che respingerebbe il tuo cane o gatto. Se ad esempio ti affidi a un repellente naturale, i fondi di caffè sono infallibili. Cospargilo attorno alle tue piante e assicurati che il tuo gatto non si avvicini più!

NB  : inoltre, prima di valutare l’installazione di un impianto in casa, se avete animali domestici, assicuratevi di fare la scelta giusta. Alcune piante sono tossiche per i boli di pelo!

15. Arrendersi troppo presto

Non essere troppo duro con te stesso e non gettare la spugna troppo in fretta. Le battute d’arresto e gli incidenti fanno parte della vita. Tutti attraversano momenti difficili e le piante non fanno eccezione. Anche se hanno subito gli effetti dannosi di un’irrigazione eccessiva, di una scottatura solare o di un attacco di afidi, finché la pianta ha ancora un soffio di vita, c’è la possibilità di farla rivivere. Non pensare di sbarazzartene troppo presto. Basta potarla bene eliminando tutte le foglie malate o i fiori appassiti. Segui i consigli sopra citati, armati di pazienza e la tua pianta risorgerà dalle ceneri.